Come lavarsi le mani: 5 consigli essenziali


Moltissimi germi invisibili possono annidarsi sulla pelle provocando la diffusione di diverse malattie, dal semplice raffreddore a malattie più gravi come il coronavirus. Per questo motivo è di fondamentale importanza lavarsi le mani nel modo corretto anche quando non sembrano sporche.

Una corretta igiene delle mani consente di evitare infezioni ed è un modo per proteggere la propria salute e quella degli altri.

Ogni giorno si toccano moltissimi oggetti che abbondano di germi tra cui molti batteri divenuti resistenti agli antibiotici, quindi è basilare lavarsi le mani nel modo corretto. Se non si riesce a lavare le mani è bene evitare di toccarsi gli occhi, il naso e portarsi le mani alla bocca perché si potrebbero trasferire batteri e virus dannosi per l’organismo. Lavarsi le mani anche se sembra un gesto banale, è un modo per liberarsi dai germi, ma è importante farlo nel modo corretto.


come lavarsi le mani

1. Adottare la tecnica corretta

Il lavaggio delle mani dovrebbe avvenire sempre con acqua corrente e sapone seguendo i passaggi indicati dalle Linee Guida dell’OMS. Infatti è importante sapere come lavarsi le mani per effettuare una corretta igiene e scongiurare la trasmissione di malattie. La tecnica corretta per un’igiene meticolosa delle mani è la seguente:

  • Dopo aver bagnato le mani con l’acqua usa il sapone liquido, da preferire alla saponetta dove si annidano germi e batteri
  • Insapona le mani con cura frizionando prima palmo contro palmo e intrecciando le dita tra loro
  • Intreccia le mani una sopra l’altra e strofinane il dorso frizionando anche tra le dita
  • Tieni il dorso delle dita strette tra loro contro il palmo in modo da realizzare un mezzo pugno
  • Strofina i polpastrelli contro il palmo così da pulire anche la superficie sotto le unghie
  • Effettua un movimento rotatorio intorno ad ogni singolo dito
  • Lava il dorso delle mani strofinandoci contro il palmo
  • Insapona accuratamente e sfrega entrambi i polsi
  • Sciacquale abbondantemente con acqua ed asciugale con un panno pulito



2. Quanto deve durare il lavaggio

La durata del lavaggio delle mani è di vitale importanza perché non basta una semplice insaponata di pochi secondi, ma è necessario più tempo per rimuovere tutti i microrganismi dannosi che si trovano sulla superficie della pelle. Il lavaggio delle mani con acqua e sapone dovrebbe avere una durata non inferiore ai 40/60 secondi, così come la frizione con il gel idroalcolico. Il tempo non è banale come si pensa, ma è un’accortezza necessaria e indispensabile per ottenere un risultato ottimale. Le salviette disinfettanti possono essere anche usate per disinfettare superfici ed oggetti lasciando asciugare il prodotto per almeno 10 secondi. Per quanto riguarda gli spray bastano 2 nebulizzazioni sui palmi e poi frizionare le mani accuratamente per 30 secondi. È consigliabile ripetere l’operazione 2 volte.


3. Che prodotti usare

Per una corretta igiene delle mani basta utilizzare un sapone liquido, non serve un prodotto specifico, mentre è sconsigliabile l’uso della saponetta perché potrebbe essere un ricettacolo di batteri. Dopo il lavaggio e il risciacquo accurato, le mani dovrebbero essere asciugate con una salvietta monouso da utilizzare poi per chiudere il rubinetto. Gli asciugamani, infatti, sono un veicolo di batteri e potrebbero inficiare tutta la pulizia fatta precedentemente. Anche per gli ospiti in casa sarebbe opportuno mettere a disposizione delle salviette monouso così da evitare possibili contaminazioni. Quando si è fuori casa si dovrebbe cercare di evitare di toccare le maniglie delle porte o i pulsanti degli asciugatori, quindi è consigliabile utilizzare una salvietta per evitare il contatto. I gel idroalcolici e le salviette sono una valida alternativa all’acqua e il sapone, ma bisogna riporli in modo corretto ed evitare di poggiarli su superfici contaminate, inoltre per essere davvero efficaci, devono contenere una percentuale di alcool tra il 60 e il 95%.



4. Quando è importante lavarsi le mani

Secondo l’Organizzazione Mondiale della Sanità l’igiene delle mani è fondamentale per prevenire numerose infezioni e influenze, virus respiratori e batteri. È importante lavarsi le mani specialmente prima di cucinare, di mangiare, e di toccarsi occhi, naso e bocca. Il corretto lavaggio delle mani permette di allontanare in maniera meccanica i batteri che si annidano sulla superficie della pelle. Ma le mani vanno lavate accuratamente soprattutto dopo aver:

  • Toccato il cibo crudo
  • Pulito il naso o dopo aver starnutito
  • Viaggiato sui mezzi pubblici
  • Maneggiato soldi
  • Essere stati a contatto con persone malate
  • Toccato oggetti comuni
  • Avere utilizzato la toilette, sopratutto se pubblica
  • Toccato animali
  • Essere stati in palestra.



5. Consigli se si è fuori casa

Se ci si trova in viaggio o a lavoro e non ci si può lavare con acqua e sapone, allora si possono usare alcuni prodotti come i gel idroalcolici. Il procedimento per eliminare i germi è lo stesso del lavaggio con acqua e sapone. Esistono, inoltre, anche delle salviettine igienizzanti in grado di rimuovere i batteri, microbi e virus. Sono impregnate con un gel idroalcolico e in più contengono delle sostanze emollienti in grado di lasciare la pelle morbida e vellutata. Basta strofinarle accuratamente sulle mani passandole in ogni punto e poi lasciarle asciugare. Sono molto comode da portare sempre con se e possono essere un valido alleato. Esistono anche degli spray disinfettanti che possono essere usati direttamente sull’area da trattare. Lo spray è una valida alternativa per chi non ama il gel, ma anche per chi cerca una soluzione più versatile in quanto può essere utilizzato anche per pulire oggetti e superfici con una garza o un panno pulito.


Conclusione

Lavarsi accuratamente le mani come descritto sopra è l’unico metodo efficace per prevenire le malattie e la proliferazione dei batteri che possono trasferirsi con un semplice tocco. Fondamentale è insegnare la corretta igiene delle mani anche ai bambini che si ammalano più spesso proprio a causa delle promiscuità di giocattoli e ambienti, così da renderli autonomi e prevenire spiacevoli malattie. È importante, però, non utilizzare i gel disinfettanti in continuazione, ma farne uso solamente quando se ne ha realmente bisogno.



Designed by Shayne_ch13 / Freepik

Designed by macrovector / Freepik